DirettaPartite.com

Jump to content.

Chievo-Bologna streaming live (Serie A)

GUARDA ONLINE IL VIDEO LIVE DELLA PARTITA DI CALCIO DI SERIE A (1MA GIORNATA CAMPIONATO 2012/2013) TRA CHIEVO E BOLOGNA IN STREAMING DIRETTA TV, GRATIS E SENZA SCARICARE SOFTWARE AGGIUNTIVI (CLICCA QUI PER L’ELENCO DEI LINK – PER UNA MIGLIORE VISIONE POTREBBE ESSERE NECESSARIO INSTALLARE UN PLUGIN GRATUITO).

La partita comincerà alle 20:45 del 26 Agosto 2012

(Read on …)

Milan-Sampdoria streaming live (Serie A)

GUARDA ONLINE IL VIDEO LIVE DELLA PARTITA DI CALCIO DI SERIE A (1MA GIORNATA CAMPIONATO 2012/2013) TRA MILAN E SAMPDORIA IN STREAMING DIRETTA TV, GRATIS E SENZA SCARICARE SOFTWARE AGGIUNTIVI (CLICCA QUI PER L’ELENCO DEI LINK – PER UNA MIGLIORE VISIONE POTREBBE ESSERE NECESSARIO INSTALLARE UN PLUGIN GRATUITO).

La partita comincerà alle 18 del 26 Agosto 2012

(Read on …)

Juventus-Parma streaming live (Serie A)

GUARDA ONLINE IL VIDEO LIVE DELLA PARTITA DI CALCIO DI SERIE A (1MA GIORNATA CAMPIONATO 2012/2013) TRA JUVENTUS E PARMA IN STREAMING DIRETTA TV, GRATIS E SENZA SCARICARE SOFTWARE AGGIUNTIVI (CLICCA QUI PER L’ELENCO DEI LINK – PER UNA MIGLIORE VISIONE POTREBBE ESSERE NECESSARIO INSTALLARE UN PLUGIN GRATUITO).

La partita comincerà alle 20:45 del 25 Agosto 2012

(Read on …)

PAGELLE – Le pagelle di Catania-Napoli, terminata 0-0 (Serie A)

CATANIA
Andujar 6 Bravo a rimanere concentrato sul tiro da due passi di Lavezzi.
Potenza 5.5 Costretto a seguire Lavezzi, una volta l’argentino gli sfugge e per poco il Napoli non passa.
Terlizzi 6 Dietro fa buona guardia, in avanti fallisce un’ottima occasione, ma segnare non è il suo mestiere.
Bellusci 6 Ci mette tanta euforia, a volte anche troppa. Costretto a uscire alla fine del primo tempo.
Augustyn 6 Entra alla fine del primo tempo, si disimpegna bene in difesa, si fa vedere qualche volta in avanti.
Alvarez Valeira 6 Presidia bene la fascia, in fase offensiva fa quel che può, si impegna, ma palesa evidenti limiti.
Llama 7 Il suo piede sinistro è la cosa più bella del Catania. Dal suo piede nascono sempre cross, punizioni e angoli interessanti. Un suo tiro da fuori impegna pericolosamente De Sanctis.
Carboni 5.5 Maratoneta della mediana, ma oggi il Catania aveva bisogno di incisività in avanti, lui non può dargliela.
Pesce s.v. Entra nel finale.
Biagianti 5.5 Tanto agonismo, ma poche idee.
Izco 5.5 Spazio per affondare ne avrebbe, ma lui non ne approfitta.
Morimoto 5 Fa grandi cose in fase di preparazione e di difesa della palla, ma poi sbaglia gol clamorosi. E per una punta è quello che conta di più.
Mascara 5.5 Lodevole per l’impegno, si muove tantissimo, arretra il raggio d’azione. Ma da lui ci si aspettano gol e invenzioni. In questo manca.
Plasmati 5 In campo l’ultima mezz’ora per dare profondità, potenza e centimetri, fallisce l’obiettivo.

NAPOLI
De Sanctis 6.5 E’ bravo a rimanere in piede quando Morimoto si ritrova tutto solo davanti a lui. Poi è efficace e attento soprattutto nelle uscite.
Maggio 5 Mancano i suoi affondo sulla destra eppure lo spazio ce l’avrebbe.
Grava 6 Prende in consegna Morimoto quando transita dalle sue parti e lo limita.
Aronica 6 Grintoso e deciso, presidia bene la sinistra anche se sono poche le proiezioni offensive.
Contini 6 Stringe i denti e bada al sodo.
Cannavaro 6 Non sempre è bello da vedersi negli interventi difensivi, ma oggi non commette errori.
Pazienza 6 Entra dopo mezz’ora al posto dell’infortunato Gargano. Fa il medianaccio pensando più a distruggere che a costruire.
Cigarini 5.5 Regia poco lucida, troppo molle.
Hamsik 5 Non trova lo spazio tra le linee quando gioca da trequartista. Poi Mazzarri lo arretra a centrocampo e si limita a smistare i palloni.
Gargano 5.5 Fuori dopo mezz’ora per distorsione al ginocchio sinistro. Quando era in campo era apparso sotto tono.
Datolo 6 Qualche spunto interessante, forse entra troppo tardi.
Lavezzi 5.5 Gioca da solo, quando entra in possesso pallo se ne porta a spasso due o tre. Ma è tutto fine a se stesso e non serve alla squadra.
Denis s.v. Cinque minuti in campo. E’ vivace.
Quagliarella 5 La squadra non lo aiuta, lui si innervosisce e la prestazione che ne esce è nettamente insufficiente.

PAGELLE – Le pagelle di Siena-Livorno, terminata 0-0 (Serie A)

SIENA
Curci 6 Chiamato solo ad un intervento su Lucarelli. Attento.
Brandao 7 Ottima partita difensiva la sua.
Del Grosso 6.5 Prova spesso e bene a crossare per gli attaccanti bianconeri, che purtroppo non ne approfittano.
Terzi 6 Non gioca una brutta partita ma oggi é piuttosto in ombra.
Garofalo 6.5 Entra al posto di Del Grosso e non lo fa rimpiangere, soprattutto in fase offensiva.
Codrea 6.5 é sempre nel vivo del gioco e prova qualche volta, senza successo, ad impensierire De Lucia dalla distanza.
Vergassola 6 Il capitano gioca una partita onesta e grintosa. Viene sostituito e si arrabbia con Giampaolo.
Fini 6 Nel finale qualche cross pericoloso ma è troppo tardi per cambiare le sorti dell’incontro.
Rosi 6.5 é uno dei giocatori senesi che ci prova di più; una prova di personalità che purtroppo non basta al Siena per portare a casa i 3 punti agognati.
Jajalo 5 Fuori partita, non dà quello che ci si aspettava da lui.
Ekdal 6 Deve fare di più per conquistarsi un posto da titolare.
Ghezzal 6 Entra, da dinamismo al gioco d’attacco senese ma non incide.
Maccarone 6.5 E’ uno dei migliori del Siena pur fallendo il calcio di rigore che indirizzerebbe la partita in maniera decisamente netta.
Calaio’ 5.5 Fornisce un grande assist per Vergassola, poi fallisce due occasioni clamorose davanti a De Lucia. Con una squadra così sterile in fase offensiva i suoi gol servirebbero.

LIVORNO
De Lucia 7.5 Para un rigore e compie un altro intervento decisivo su Fini.
Pieri 6 Con un Siena in sofferenza lui regge gli attacchi avversari con diligenza.
Miglionico 6 Entra al 46′ al posto di Knezevic infortunato e dà il suo contributo difensivo.
Knezevic 6 Gioca una partita attenta finché non si fa male. Molto sfortunato dopo essere stato fuori già 11 mesi.
Diniz Paxiao s.v. S.v.: pochi minuti per giudicare.
Rivas Lopez 6 Sulle palle alte é insuperabile ma se vuole tornare a giocare in una grande deve scordarsi certe amnesie.
Vitale 6 Partita di contenimento e non potrebbe essere altrimenti.
Mozart s.v. S.v.: Si stira dopo 20 minuti.
Moro 6 Come Vitale e Raimondi.
Pulzetti 5.5 Oggi soffre molto la vivacità di Maccarone ed è spesso costretto ad abbatterlo, come nell’occasione dell’ammonizione.
Raimondi 6 é uno di quei giocatori che lavora dietro le quinte e in silenzio. Utile.
Marchini s.v. S.v.: La sua partita dura meno di 20 minuti. Sull’occasione dell’espulsione e del conseguente rigore, non può che stendere Maccarone per evitare il gol.
Lucarelli 6 Sempre generoso, è lui l’unico ad impegnare Curci in un’occasione.
Tavano 5.5 La squadra soffre e soffre anche lui di conseguenza. Nessuna ripartenza degna di nota.

PAGELLE – Le pagelle di Cagliari-Chievo, terminata 1-2 (Serie A)

CAGLIARI
Marchetti 6 -Non può nulla nè sul primo gol di Marcolini (siluro da fuori area) nè sul raddoppio dello stesso centrocampista. Attento per tutta la gara.
Lopez 5 -Prova decisamente incolore. Lascia troppi varchi a Pellissier e compagni e fa troppi errori in fase di disimpegno.
Agostini 6 -Uno dei più positivi tra le fila dei rossoblu. Riesce con continuità a portarsi sul fondo e a servire preziosi cross alle punte.
Canini 5.5 -Fa buona guardia su Bogdani, ma non è altrettanto bravo nei raddoppi di marcatura.
Marzoratti 5.5 -Si limita alla fase difensiva, non riuscendo quasi mai a portarsi al cross.
Lazzari 5.5 -Subentra a Biondini nella ripresa, nel momento di maggiore difficoltà dei suoi. Non può fare granche nel marasma del centrocampo cagliaritano.
Dessena 5 -Decisamente in calo dopo le ultime uscite molto positive. Si fa vedere poco ed esce quasi sempre sconfitto dagli scontri con Mantovani sulla fascia.
Conti 5.5 -Non sempre riesce a fare buon filtro. Pochi anche i palloni utili distribuiti all’indirizzo delle punte.
Biondini 5.5 – Confeziona per Matri il cross per il vantaggio provvisorio. Dopo un buon primo tempo, una ripresa sottotono. Rilevato da Lazzari al 57′.
Matri 5.5 -Bravo a finalizzare l’unica palla gol disponibile. Per il resto, inesistente per tutta la gara.
Cossu 5.5 – Non garantisce la solita qualità sulla trequarti. Quando si dfila sulle fascie diventa più pericoloso.
Jeda 5.5 -Parte bene, creando scompiglio nella difesa avversaria. Col passare dei minuti però quasi scompare dal gioco.
Larrivey s.v. -Entra negli ultimi minuti.
Nene’ s.v. -Gioca gli ultimi 15′ senza incidere.

CHIEVOVERONA
Sorrentino 6.5 -Sempre sicuro in ogni circostanza. Sul gol di Matri non ha grandi colpe.
Morero 6.5 -Bravo a neutralizzare completamente Matri.
Yepes 6.5 -Come Morero, impeccabile nel coprire gli spazi in difesa impedendo agli attaccanti sardi di farsi pericolosi sotto porta.
Mantovani 6.5 -Vince praticamente tutti i contrasti con Dessena, impedendo al centrocampista avversario di spingersi in avanti.
Frey 6 -Innesca un bel duello con Agostini sulla fascia destra. Nella ripresa è bravo a limitare il raggio d’azione dell’avversario.
Bentivoglio s.v. -Entra nel finle al posto dell’inconsistente Luciano.
Marcolini 7.5 – Ha risolto da solo la partita con la sua perzonale doppietta. Sempre presente nella manovra dei veneti.
Ariatti s.v. -Entra negli ultimi 10′.
Luciano 5.5 -Qualche sgroppata sulla fascia e poco altro. Rilevato da Bentivoglio nei minuti finali.
Pinzi 6 – Quando il Cagliari lascia gli spazi in avanti, si fa molto pericoloso con Pellissier. Non riesce però a essere deciso sottoporta.
Iori 6 -Grande agonismo in mezzo al campo. Recupera un’infinità di palloni.
Bogdani 5 -Non entra mai in partita. Nella ripresa viene sostituito da Grenoche.
Pellissier 7 -Fa reparto da solo e mette costantemente sotto pressione la retroguardia cagliaritana.
Granoche 6.5 -Uno dei migliori in campo. Bravo a saltare l’uomo e a creare superiorità numerica.

PAGELLE – Le pagelle di Atalanta-Milan, terminata 1-1 (Serie A)

ATALANTA
Consigli 7.5 Due miracoli, uno su Pato, l’altro su Ronaldinho.
Bellini 6 Fa bene a sinistra bloccando Flamini nel primo tempo. Scende poco sulla fascia.
Pellegrino 6.5 Gioca con ruvidità, ma è sempre efficace.
Manfredini 7 E’ il leader del bunker atalantino, che nella ripresa resiste al forcing del Milan fino al gol di Ronaldinho.
Peluso 5 Sfiora un clamoroso autogol e dà la sensazione di essere insicuro.
Padoin 6 Fa un lavoro oscuro a centrocampo, chiude bene e non spreca i palloni che tocca.
Garics 6.5 Bene a destra, chiude su Seedorf e si propone davanti.
Guarente 6.5 Sempre in movimento a fare pressing, nel primo tempo imposta anche qualche buona azione.
Caserta 5.5 Prende il posto di Doni nell’ultima mezz’ora, si mette a fare il difensore, ma da lui ci si aspettava che tenesse e portasse su qualche pallone in più per allentare la pressione.
Doni 7 Una prestazione maiuscola per intensità e classe. Costretto a uscire per infortunio.
Radovanovic 4 Due ingenuità gli costano la doppia ammonizione, che mette in difficoltà tutta la squadra.
Valdes Zapata 5.5 Qualche spunto, ma troppo a corrente alternata.
Ceravolo 6 Al posto di Tiribocchi dal 56′, prova a fare la prima punta. Si impegna e rimane sempre lì pronto a colpire in contropiede.
Tiribocchi 6.5 Ha il merito del gol ed è bravo a fare a sportellate con Favalli.

MILAN
Storari 6 Incolpevole sul gol, per il resto l’Atalanta non lo impensierisce più di tempo. Nella ripresa fa da spettatore.
Favalli 6 Nel secondo tempo l’Atalanta può far male solo in contropiede, lui sembra poter controllare tutto più con la forza del pensiero che con le gambe.
Nesta 8 Il migliore in campo, una spanna sopra tutti. In difesa è impeccabile, dalle sue parti non si passa. A un certo punto avanza il suo raggio d’azione e gioca quasi da trequartista. E’ lui a dare l’assist a Ronaldinho e a trascinare i compagni. Un leader lucido e carismatico.
Zambrotta 5.5 In costante proiezione offensiva, ma non mette mai una palla buona.
Seedorf 5 Si ritrova sui piedi un paio di buone occasioni, ma le spreca. Per il resto il solito trottelerrare asfittico.
Pirlo 5.5 Rallenta il gioco, non inventa.
Ambrosini 6 Sta attento a chiudere subito sui centrocampisti avversari quando potrebbero ripartire in contropiede.
Gattuso 5 Sembra che non ce la faccia più. Va a raddoppiare sempre con grande generosità, ma i palloni recuperati sono quasi zero.
Abate 6 Preme in continuazione sulla destra, sbaglia qualcosa, ma nel complesso il suo contributo risulta utile.
Flamini 5 Corre male, sbaglia troppi passaggi.
Huntelaar 4 Impalpabile, troppo leggero, poco convinto. Un corpo estraneo.
Ronaldinho 7 Inserimento nello spazio sul filo del fuorigioco, stop di petto in corsa e tiro al volo di esterno destro. Finalmente un gol degno del suo passato.
Pato 5 Qualche guizzo, ma mai decisivo. Fallisce clamorosamente la palla del pareggio al 49′.
Inzaghi 5.5 Poco più di mezz’ora in campo, si piazza in area durante l’assedio del Milan, non ha l’occasione, ma neanche se la cerca con il movimento.

PAGELLE – Le pagelle di Fiorentina-Lazio, terminata 0-0 (Serie A)

FIORENTINA
Frey 6.5 – Compie una buona parata su un sinistro di Foggia.
Gamberini 6.5 – Molto bene nelle chiusure sugli attacchi laziali.
Kroldrup 6 – Si vede molto poco ma comunque non sbaglia nulla.
Comotto 6 – Copre bene gli spazi anche se spesso sbaglia qualche intervento.
Zanetti 6.5 – Fa bene in fase di ripartenza e sfiora la rete con una conclusione ravvicinata salvata sulla linea.
Jorgensen s.v. – Si vede molto poco.
Montolivo 6 – Comincia in maniera svogliata ma poi si sveglia con due belle conclusioni che sfiorano il palo.
Vargas 6.5 – E’ sempre molto attivo come al solito sulle fascie anche se sbaglia due occasioni abbastanza semplici.
Jovetic 6 – Delude rispetto alle precedenti prestazioni, si fa vedere soltanto con una buona azione personale.
Gobbi 6 – Prestazione positiva e convincente.
Marchionni 6.5 – Sorregge la squadra dalla cintola in sù.
Gilardino 6 – Appena entrato sfiora la rete della vittoria che la terna arbitraria non convalida grazie al salvataggio forse sulla linea da parte di Baronio.
Mutu 5.5 – Delude parecchio soprattutto in fase di possesso palla.

LAZIO
Muslera 6 – Molto attenato e sicuro su tutte le conclusioni e tutte le uscite.
Luciani s.v. – Entra a pochissimi minuti dalla fine.
Lichtsteiner 6 – Copre molto bene la sua zona di competenza.
Radu 6.5 – Il suo salvataggio giudicato dall’arbitro sulla linea sul rasoterra di Gilardino equivale ad un gol.
Cribari 7 – E’ il migliore in campo, salva più e più volte la sua squadra in alcune circostanze delicate.
Baronio 6.5 – Compie due salvataggi determinanti sulla linea su un paio di calci d’angolo.
Matuzalem 6 – Gioca bene ma commette troppi falli rischiando anche l’espulsione.
Mauri 5.5 – Gioca spesso molto solo senza aiutare molto la sua squadra.
Foggia 6.5 – Gioca molto bene con il pallone tra i piedi ma sbaglia un paio di occasioni clamorose.
Dabo 6 – Cerca di rinforzare il reparto centrale in maniera però non troppo soddisfacente.
Zarate 6 – Trascina come al solito i compagni con grande tenacia anche se i risultati non sono eccellenti.
Meghni 6.5 – Il suo ingresso in campo migliora gli equilibri della Lazio che fino ad allora stava soffrendo molto.
Rocchi 5.5 – Riceve troppo pochi palloni e spesso cade nel fuorigioco.
Del Nero 6 – Non sfigura più di tanto nel suo ruolo di terzino destro.

PAGELLE – Le pagelle di Sampdoria-Parma, terminata 1-1 (Serie A)

SAMPDORIA
Castellazzi 6.5 Due interventi determinanti
Lucchini 6 Giornata senza grossi problemi
Stankevicius 6 Poca proposizione, preferisce tenere la posizione
Gastaldello 5.5 Amoruso lo mette in difficoltà
Palombo 6 Un po’ annebbiato, ma c’è sempre
Mannini 6 Appannato rispetto allo standard cui ci ha abituato. Lo salva il cross per il vantaggio doriano.
Padalino 6 Un po’ più di vivacità sulla corsia di destra
Ziegler 5.5 Non spinge come dovrebbe a sinistra
Poli 6.5 Si fa vedere con buone cose in mezzo al campo. Con una penetrazione in area, rischia il primo gol in Serie A
Cassano 5.5 In ombra per il grande lavoro della difesa del Parma
Pazzini 6.5 Stacca benissimo sull’invito di Mannini; nella ripresa reclama (a ragione) un rigore
Pozzi s.v. Non ha tempo per graffiare
Bellucci 6 Tanto lavoro (oscuro) per la squadra. Regge 45′.

PARMA
Mirante 6 Incolpevole sul gol
Zaccardo 5.5 Galeotta spinta a Pazzini: rischia il rigore
Castellini 6 Si fa sentire a sinistra
Panucci 6.5 Comanda la difesa come uno come lui sa fare
Lucarelli 6 I doriani non lo superano con facilità. Qualche rudezza
Morrone 6 Tanta corsa
Zenoni 5.5 Nel secondo tempo, subisce un po’
Galloppa 7 Gol a parte, abbina qualità e sostanza
Mariga 5.5 Non riesce a dare il suo solito peso a centrocampo
Paloschi s.v. Solo 5 minuti, recupero compreso
Biabiany 5 Non lo vedi quasi mai
Amoruso 6.5 Punta di diamante dell’attacco parmense. Unico demerito aver sprecato la palla-match

PAGELLE – Le pagelle di Bologna-Genoa, terminata 1-3 (Serie A)

BOLOGNA
Viviano 6 Tartassato soprattutto nel primo tempo dall’assedio costante dei liguri cerca di opporsi come può ed alla fine risulta incolpevole sulle reti subite.
Raggi 6 Ingaggia duelli di velocità prima con Palladino e poi con Palacio. Le sportellate si sprecano. Formula Uno.
Lanna 5.5 Soffre la velocità di Sculli e quando entra Tomovic la situazione non migliora.
Portanova 6 Parte decisamente male ma poi si riprende e gioca con il solito spirito combattivo. Diesel.
Britos 5.5 Non un’eccellente opposizione su Floccari prima e Zapater poi. Cambiando l’ordine delle punte il risultato (scadente) non cambia.
Mingazzini 6 Un’ora di gioco abbondante caratterizzata dalla coraggiosa battaglia a metà campo contro Milanetto e Kharja.
Guana 6 Lavoro di quantità in fase d’interdizione. Soldatino.
Valiani 6 Entra al 69′ per Mingazzini e ci mette tanta grinta e voglia di sacrificarsi.
Vigiani 5.5 Subisce a metà campo la grande aggressività dei genoani. Al 55′ esce in favore di Osvaldo. Timido.
Tedesco 7 Combatte come un leone in tutti i settori. Ha grinta e spirito di sacrificio da vendere. Indiavolato.
Mudingayi 5 Deve assolutamente rivedere il tiro. Sbilenco.
Osvaldo 4.5 Entra al 55′ ed ha un paio di occasioni succulente per segnare di cui una clamorosa a porta vuota dopo il palo colpito da Di Vaio ma le spreca malamente. Inutile.
Zalayeta 6 Ci mette il cuore ed i polmoni. Tenta diverse volte la battuta a rete e solo per la bravura di Amelia non trova il gol.
Di Vaio 7 Combattivo e rabbioso, lotta pressando su tutti i palloni. Corona la sua prestazione realizzando all’85′ il rigore che accorcia momentaneamente le distanze.

GENOA
Amelia 7 Semplicemente una grande prestazione. Saracinesca.
Tomovic 6 Il suo intervento a gamba tesa in area su Tedesco all’84′ regala al Bologna il penalty che Di Vaio realizza accorciando le distanze. Si riscatta al 90′ con un assist delizioso dalla destra che mette Zapater in condizione di realizzare il definitivo 3-1.
Moretti 6 Senza strafare regala una prestazione importante sul piano della quantità.
Mesto 5.5 Una bella gara di carattere macchiata però dall’espulsione al 52′ che mette i suoi parecchio in difficoltà.
Modesto 6 Forza e determinazione a disposizione dei suoi. Generoso.
Esposito A. 6 Combatte con il coltello tra i denti mettendoci grinta e determinazione.
Bocchetti 5.5 In difficoltà sulla marcatura di Zalayeta.
Zapater 7 Onesta la sua opera in fase d’interdizione. Al 90′ si fa trovare pronto in area a deviare l’assist dalla destra di Tomovic e realizzare la rete del definitivo 3-1.
Milanetto 6.5 Buon lavoro sia in fase d’interdizione che costruzione. Una volta conquistata, con la palla tra i piedi sa sempre cosa fare.
Kharja 7.5 In mezzo al campo fa ciò che vuole. All’11′ è gelido dal dischetto nel realizzare il gol del vantaggio per il Genoa. Per il resto si sacrifica indietro proteggendo la sua porta. Favoloso.
Floccari 6.5 Grintoso, pressa su tutti palloni. Al 35′ è suo l’assist per la rete di Sculli che vale il prezioso 2-0. Al 61′ lascia spazio a Zapater.
Palladino 6 Gioca 50′ e regala una prestazione pregevole per impegno e concretezza. Da una sua combinazione con Floccari nasce la rete del 2-0 di Sculli.
Sculli 7 Mobilissimo sulla fascia destra. Al 35′ arriva puntuale all’impatto in area con l’assist di Floccari e manda in rete la palla del 2-0.
Palacio 6 Corre a perdi fiato pressando su tutti i palloni.

Pagina successiva »