DirettaPartite.com

Jump to content.

PROBABILE FORMAZIONE – Milan – Lecce (Serie A, 30 giornata)

Milan-Lecce è il posticipo delle ore 21 che chiude questa 30esima giornata di Seria A 2008-2009. Obiettivo terzo posto, che significa qualificazione di diritto alla Champions, per il Milan, mentre la salvezza è il traguardo che vogliono raggiungere gli uomini di De Canio. Per i salentini il Milan rappresenta una vera pecora nera, avendola battuta solo due volte nei precedenti 25 incontri totali. Nelle 12 sfide a San Siro, invece, 9 sono state le vittorie dei rossoneri ed una sola quella dei giallorossi.

Il Milan è reduce dal pareggio contro il Napoli in Campania mentre il Lecce viene dal buon 2 a 2 contro l’Atalanta in Puglia. All’andata fini 1-1 con Esposito che beffò Abbiati a pochi secondi dal fischio finale. Lunghissima la lista degli infortunati rossoneri, che si “disfa” però del duo Kakà-Ronaldinho. Entrambi, reduci dalle sfide con il Brasile, dovrebbero partire dalla panchina domenica sera. Davanti, spazio alla coppia Pato-Inzaghi. Nel Lecce, invece, out di Tiribocchi infortunatosi in queste ore.

Milano, stadio San Siro, domenica ore 21.00

Probabili formazioni:

MILAN (4-3-1-2): Dida; Zambrotta, Favalli, Maldini, Jankulovski; Beckham, Pirlo, Ambrosini; Seedorf; Inzaghi, Pato. All. Ancelotti

A disposizione: Kalac, Senderos, Antonini, Flamini, Kakà, Ronaldinho, Shevchenko

Squalificati: nessuno

Indisponibili: Gattuso, Borriello, Nesta, Bonera, Abbiati, Emerson, Kaladze

LECCE (4-2-3-2): Benussi; Polenghi, Stendardo, Fabiano, Esposito; Edinho, Ardito, Ariatti; Caserta; Castillo. All. Pavese (De Canio squalificato)

A disposizione: Rosati, Schiavi, Giuliatto, Zanchetta, Munari, Vives, Papadoupoulos

Squalificati: nessuno

Indisponibili: Cacia, Tiribocchi

CONFERENZA STAMPA – Luciano Spalletti: cominciamo dalla Samp, ogni partita è di qualificazione alla Champions (Pre Sampdoria – Roma)

GUARDA IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI LUCIANO SPALLETTI ALLA VIGILIA DI SAMPDORIA – ROMA

Oggi a Trigoria c’erano cinquemila tifosi. Una vera e propria invasione.

“Secondo me sono segnali importantissimi. Non solo per la squadra e per i miei giocatori, ma per il calcio in generale. I nostri tifosi meritano soddisfazioni pari all’amore che hanno per la Roma che manifestano quotidianamente. E oggi forse è il segnale più evidente. E’ da questi comportamenti, da queste prese di coscienza, che si riesce a mettere a posto le cose nel nostro calcio. Arrivare con più tranquillità ad alcune situazioni può dare un contributo importante ai fini del risultato”.

A Genova ricomincia la corsa verso il quarto posto. Corsa difficile? Quale avversaria diretta merita più rispetto?

“Siamo nelle condizioni di poter centrare quelli che erano i nostri obiettivi di partenza. Dobbiamo essere fiduciosi, al di là dell’amarezza che abbiamo dopo l’eliminazione dalla Champions. Rientrando negli spogliatoi e tentando di commentare il momento, ho detto ai giocatori che non rimpiangeremo il risultato, ma rimpiangeremo sempre quei momenti dove non abbiamo avuto il coraggio di osare. E noi questo l’abbiamo fatto. Per cui non devono avere nessun rammarico. La forza dimostrata in quella partita lì ci deve servire come carica. Dobbiamo essere bravi di riproporlo nelle partite successive. Se ci riusciremo – anche se abbiamo a che fare contro avversari fortissimi tipo Genoa, Fiorentina e Lazio – non ci saranno problemi sicuramente. Dobbiamo interpretare tutte le partite come quella con l’Arsenal. Come se fossimo ancora in Champions, cioè dobbiamo giocare tutte le partite come se ci dovessimo qualificare ai quarti di Champions. Mancano undici gare, si potrebbe dire gli “undicesimi di Champions”, per dare un senso più corretto a questa allusione”.

Tante assenze per l’ennesima volta. Cosa si dice ad una squadra che deve scendere in campo così?

“Abbiamo sempre detto di avere una rosa folta come numero di calciatori, anche se ora qualche problemino numerico c’è. Quelli che hanno giocato di meno devono evidenziare in questi momenti qui che la fiducia riposta nei loro confronti è stata giusta. La squadra può ambire a un risultato importante anche contro un avversario difficile come la Samp”.

Da questa eliminazione esce una Roma più forte?

“Da questo risultato ne esce una squadra che ha evidenziato di avere dei valori e una forza. Sia a livello individuale che di collettivo. Non deve turbarci quello che è un risultato, dobbiamo superare l’amarezza di un risultato negativo. Bisogna dare forza a quelli che sono i valori. Nel calcio bisogna imparare a dribblare, a tirare a difendere, ma bisogna imparare anche a perdere. Cioè uno si rende conto di quello che ha fatto, prende atto di quello che è successo e poi riparte. La serenità può dare un contributo notevole per far girare a favore l’episodio. Capiterà anche a noi di girarci a favore l’episodio. Se ci facciamo trovare pronti, sereni e fiduciosi il risultato può pendere dalla nostra parte”.

Lei non crede che la stanchezza fisica accumulata nella partita contro l’Arsenal, possa influire negativamente già dalla gara di domani?

“Io credo che loro si basino sul ragionamento che ho fatto un minuto fa e diano forza a quei concetti. Perché quelli sono i concetti giusti, gli altri sono sbagliati”.

Questo quarto posto è raggiungibile veramente? Lei ci crede?

“Vuole che lo ridica? Parlavo di quarto posto quando eravamo una ventina di punti distanti dal quarto posto. Ho sempre detto così, sia a voi che ai calciatori. Abbiamo le potenzialità e dobbiamo assolutamente crederci”.

Più che un allenamento, oggi sembrava di stare allo stadio. Le era mai capitao?

“No, non mi era mai capitato. Anche diversi calciatori che sono qui da molto tempo li ho visti molto sorpresi. Questa deve essere la nostra forza. Dobbiamo identificarci nella passione dei nostri sportivi. Questi valori devono essere fondamentali per la nostra crescita. Attraverso queste cose potremmo riuscire a sopperire alle differenze con club più potenti dal punto di vista finanziario”.

Motta è a disposizione per domani?

“Siamo abbastanza fiduciosi. Oggi ha sviluppato il suo allenamento e nella pratica il problema è andato diminuendo. Quindi lo valuterò bene domani. Al di là di quello che può essere il responso medico, bisogna vedere il ragazzo come reagisce”.

Filipe può essere considerato in rampa di lancio?

“Filipe è un po’ di tempo che si allena con noi. E’ un ragazzo interessante e lo teniamo in cosiderazione. Se ce ne sarà bisogno faremo come già abbiamo fatto in precedenza – lui già ha esordito – e lo useremo”.

La prova di Riise ha stupito. Gli darà fiducia nel ruolo nuovo o preferirà confermarlo nel suo classico?

“Ha evidenziato di sapersi sdoppiare nel doppio ruolo. Lo ha fatto benissimo al di là delle casualità dove hai l’episodio a favore. Ha fatto vedere di avere posizione e tempi giusti se ci serve lo possiamo usare anche lì, valutando cosa si ha a disposizione e cosa si necessita”.

Molti degli indisponibili hanno avuto una stagione difficile dal punto di vista degli infortuni e hanno tra i 28 e i 30 anni. State già affrontando il problema?

“Secondo me non abbiamo una squadra vecchia. Possiamo continuare con questo gruppo in futuro. Bisogna programmare bene e fare attenzione a ringiovanire la squadra. C’è fiducia in questo gruppo che può andare avanti ancora un bel po’”.

Possibile in futuro aprire i cancelli?

“Già parlato in questa direzione. Ci stiamo attrezzando per avere il pubblico nel centro di Trigoria. Andando a salutare gli sportivi ho visto bambini e famiglie. Sono segnali importantissimi per noi e per il calcio. Ci determinano una ricerca massimale per quello che possiamo restituirgli e attrezzarci per dargli soddisfazioni”.

Oggi allenamento aperto ai tifosi. Pensa che in futuro si possa avere una giornata in cui i tifosi posso sempre entrare a vedere l’allenamento?

“Se ne può parlare. Concomitanza di piccole cose. Non è che con quei quindici giorni iniziali poi arrivi in fondo e corri. È di settimana in settimana che metti dentro quei liquidi che danno la performance nelle partite. Se un giocatore lo lasci per quattro-cinque giorni a riposo può perdere qualche qualità ma può guadagnarne a livello mentale. In estate ho dato ai ragazzi qualche giorno in più per liberarli dai problemi dell’anno prima, invece nelle amichevoli qualcuno ha evidenziato gli stessi problemini. Poi arrivano le partite e qualcuno deve giocare due gare ravvicinate e non c’è il lavoro che ti permetta di sopperire alle gare ravvicinate. Poi allora costringi gli altri a forzare e quello che forza non riesce a recuperare. E poi sempre l’importanza del risultato. Leggevo oggi di Amauri che si è fatto male in allenamento. Lui non ha giocato in Champions. Poi in allenamento si è fatto male in partitina. E in quel caso anche Manninger si è fatto male. Ranieri ha detto che non gli era mai successo e lui l’allenatore lo ha fatto a buonissimi livelli. Come ha fatto? L’allenamento pre-gara è leggero. In gara non ha giocato. Si è fatto male dopo due giorni di riposo e quella è la risposta. Mettendoci sopra l’aspetto psicologico. La sfida importantissima ti crea una tensione così importante che ne subiscono i muscoli. Nel giocare ogni tre giorni pesa il viaggio, il come si è viaggiato, le valige. Arriva al campo, fa i bagagli, riparti. Tutte situazioni che fanno parte del mondo che ti creano difficoltà. Sono tante le cose da tenere di conto. Gli infortuni succedono a tutti, ne hanno tanti anche Milan e Inter”.

Lei ha detto che le dispiace dell’uscita dell’Inter. Pensa Mourinho abbia pensato lo stesso della Roma?

“Non ho da rispondere niente e da dire niente in questo senso. Faccio una valutazione di quello che ho letto. La differenza tra il calcio italiano e inglese non mi è sembrata così netta. L’Inter poteva vincere con il Manchester. La Juve anche poteva vincere. Quella che ho visto meno bene è la Roma, perché ero lì. Da quello che ho visto però, la Roma poteva anche vincere 2-0. Il dettaglio, il particolare. Il tiro deviato che Buffon ha messo sulla traversa…Non è mica supremazia del calcio inglese quella. All’andata si è vista e il Manchester è stato più forte. Al ritorno l’Inter poteva vincere. Noi anche, la Juve anche. È diversa la mentalità di partecipare all’evento. Se ci si arriva più liberi, tranquilli si riesce a far girare l’episodio a proprio favore. Invece essere teso può fare la differenza. È vero che siamo uscite tutte e tre, ma non c’è stata la differenza descritta”.

Oggi ha provato Diamoutene a destra. Giocherà lui lì domani se dovesse mancare Motta?

“Può essere, Diamoutene in nazionale lo ha fatto, lo fa con determinate caratteristiche e può essere”.

Che avversario è la Samp?

“Vengono da una brutta sconfitta, non hanno una bella classifica, ma ottima squadra. Non so nel 3-0 del Bologna quali siano stati i meriti del Bologna in più rispetto alla Sampdoria. La Samp ha fatto anche meglio. C’è chi riesce a tirare fuori il massimo dal minimo messo a disposizione e chi no. Poi magari arriva l’1-0 che cambia una partita”.

Dopo giornate così, con il calore dei tifosi, aumenta la sua voglia di rimanere a Roma?

“Non vedo perché sempre queste domande. Il contratto ce l’ho. Guadagno…anche troppo, per il momento che si sta attraversando. Va bene tutto così”.

Roberto Donadoni è il nuovo allenatore del Napoli

La notizia era ormai nell’aria da alcuni giorni, ma ieri mattina sembrava essere arrivata una clamorosa marcia indietro da parte della dirigenza azzurra. In serata invece, la comunicazione ufficiale: Edy Reja è stato sollevato dal suo incarico di allenatore del Napoli. Già reso noto anche il sostituto del goriziano: si tratta dell’ex commissario tecnico della Nazionale, Roberto Donadoni, il cui nome era già stato accostato al club partenopeo la scorsa settimana. Il comunicato apparso sul sito del club recita:

La società sportiva Calcio Napoli comunica di aver sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra il signor Eduardo Reja e di aver affidato la guida tecnica a Roberto Donadoni. La società ha preso tale decisione con grande sofferenza, in considerazione del fondamentale ruolo svolto da Reja durante gli ultimi cinque campionati che hanno proiettato il Napoli dalla serie C alla serie A e quindi alla Coppa Uefa. Naturalmente la società ringrazia con profonda gratitudine Eduardo Reja per la grandissima opera professionale profusa in tutte queste stagioni vincenti.

CALCIOMERCATO/ Juventus, prende corpo l’affare David Silva

Nei prossimi giorni dovrebbe tenersi un nuovo incontro fra il diesse della Juventus Alessio Secco e l’entourage spagnolo del Valencia. Sembra infatti che il dirigente bianconero, possa volare in Spagna subito dopo la gara di Champions League contro il Chelsea. Obiettivo è cercare di chiudere la trattativa David Silva il prima possibile, in particolare prima che si faccia sotto il Barcellona, la più seria concorrente nell’operazione.

Da quanto riporta Tuttosport sembra che il Valencia sia seriamente intenzionato a lasciar partire i propri gioielli. Il presidente del club Vicente Soriano, il cui potere negli ultimi giorni è stato ridimensionato rispetto al passato, si sarebbe riunito con il c.d.a. della squadra, che avrebbe dato il lascia passare alle cessioni. Il club bianconero è pronto a mettere sul piatto un’offerta che si aggira intorno ai 15/20 milioni di euro. Molto di meno, quindi, rispetto alle richieste iniziali di 30 milioni da parte degli spagnoli. Ma l’assolutà necessità di liquidi spingerebbe gli spagnoli ad avvicinarsi all’offerta dei bianconeri, che vedono avvicinarsi sempre di più un pupillo di Ranieri.

CALCIOMERCATO/ Milan, si sta per chiudere l’affare Vidic

Sembra che i rossoneri abbiano individuato il giocatore che andrà ad affiancare Thiago Silva la prossima stagione. Si tratta del centrale di difesa del Manchester United Nemanja Vidic. La notizia, apparsa sui media già settimana scorsa, trova conferme nell’edizione odierna del Mail on Sunday. Il Milan sarebbe pronto a chiudere il prima possibile l’operazione conscio del fatto che Maldini l’anno prossimo non ci sarà più, ma soprattutto che Kaladze e Nesta sono a rischio carriera. Senderos è ancora un punto interrogativo e l’unica nota positiva nella retroguardia del Diavolo sembra essere proprio il brasiliano Thiago Silva.

I rossoneri sarebbero pronti a presentare un’offerta di 20 milioni di sterline, circa 22 milioni di euro, per Vidic che, sempre da quanto scrive il tabloid inglese, si sarebbe già recato in segreto in Italia. Il difensore avrebbe pranzato con Maldini e al meeting, avvenuto pochi giorni prima della sfida con l’Inter, sembra che vi abbia preso parte anche l’agente del giocatore.

INTER/ Clamorosa idea di Moratti, rivuole Roberto Mancini

Oggi potrebbe essere l’ultimo giorno della “bufera-Mourinho” o Balotelli, a seconda dei punti di vista. A meno di clamorosi colpi di scena, infatti, i due nerazzurri, insieme al centrocampista della Roma De Rossi, verranno deferiti. La questione si chiuderà quindi con il botto finale lasciandosi dietro centinaia di articoli, ore di trasmissioni tv e migliaia di parole.

Una ferita che però rimarrà aperta è il rapporto fra Mourinho e l’Italia ed in particolare con il sistema calcio italiano. Più e più volte lo Special One ha mostrato astio nei confronti delle troppe pressioni, nostalgico della sua amata Inghilterra. Ecco perché i più, compreso il quotidiano Il Giorno, sono disposti a giurare che a fine stagione il tecnico lusitano farà le valigie. Una situazione che potrebbe accontentare sia l’allenatore, che con grande probabilità vincerà lo scudetto, lasciando comunque un ricordo da vincente in Italia e sia Moratti, forse un po’ stufo del comportamento a volte eccessivo del proprio tecnico.

l presidente nerazzurro, si mormora che già un mese fa, abbia iniziato a contattare l’ex Mancini, allertandolo della situazione. Non va dimenticato che il tecnico jesino è ancora stipendiato dai nerazzurri, avendo un contratto fino al 2012 con il club milanese. Il “come-back” del Mancio rappresenterebbe di sicuro un grande colpo di scena, ma Moratti ci ha spesso abituato a queste situazioni. Tutto comunque verrà rimandato al ritorno di Champions contro lo United. In caso di un passaggio del turno, Mourinho diventerebbe il nuovo idolo dell’ambiente nerazzurro, indipendentemente da tutto il resto, ma in caso di una sconfitta…

Ultimissime – A mezz’ora da… Sampdoria – Milan

Assenti Kakà e Ronaldinho, Ancelotti rispolvera il 4-4-1-1 per sbancare il Luigi Ferraris di Genova contro la Sampdoria di Antonio Cassano. Il tecnico rossonero, dopo le critiche ricevute in settimana per l’eliminazione in Coppa Uefa, deve assolutamente vincere contro i blucerchiati per continuare a sperare nello scudetto ma soprattutto perchè alle spalle del Diavolo le inseguitrici continuano a correre. In difesa, spazio ad Antonini a destra, con Zambrotta a sinistra e Jankulovski a centrocampo (al centro, molto probabilmente ci saranno Bonera e Senderos). Pato unica punta, con Shevchenko in panchina, e Seedorf a supporto del Papero brasiliano. Dall’altra parte, Mazzarri si affiderà alle giocate di Cassano e ai gol di Pazzini.

(Fonte: it.eurosport.yahoo.com)

Sampdoria – Milan: dopo la Uefa tornano i “gemelli del gol”

Sfida tra deluse: a Marassi va in scena Sampdoria- Milan. Nei doriani tornano i titolari dopo l’eliminazione dalla coppa Uefa subita giovedi ad opera del Metalist. In attacco ci saranno i gemelli del gol Cassano e Pazzini. Torna Angelo Palombo alla guida del centrocampo, mentre in difesa, a causa della nuova assenza di Hugo Campagnaro, Mazzarri si affida a Lucchini. Il Milan è in un periodo di crisi e Ancellotti, in forte discussione per la prossima stagione, prova a fare ordine: “Giochiamo per il terzo posto”, ha detto il mister del Milan. Nei rossoneri ballottaggio Inzaghi-Shevchenko per una maglia. L’amministratore delegato del Milan Adriano Galliani, prima di raggiungere lo stadio, ha partecipato ad una conferenza stampa alla Stazione Marittima per la presentazione di una partnership commerciale.

(Fonte: cittadigenova.com)

Ultimissime – A mezz’ora da… Juventus – Napoli

Juventus-Napoli, le ultime notizie

Ultime dallo stadio Olimpico di Torino: fra i padroni di casa tengono banco le condizioni di Sissoko, nol al meglio a causa di una microfrattura al piede. Il danesePoulsen è pronto, ma il giocatore ivoriano dovrebbe essere della partita. Confermato Mellberg dal primo minuto in luogo di Legrottaglie.
Dopo che in settimana era trapelata una ipotesi attacco leggero Lavezzi-Russotto, Reja pare orientato a dare una ulteriore chance al Tanque Denis. Ancora irrisolto il rebus fascia sinistra: Datolo o Vitale? (Redazione 9online.it) Fonte: canale9.it

Juve-Napoli: ultima spiaggia per gli azzurri. Ranieri si affida a Trezegol

Senza Gargano e Zalayeta il Napoli di Reja affronta la durissima gara di Torino con l’umore sotto i tacchi. La contestazione monta nelle curve e solo una prova d’orgoglio può salvare gli azzurri. Davanti a Navarro Reja potrebbe schierare Santacroce, Cannavaro e Contini. A centrocampo spazio a Datolo, che dovrebbe supportare Lavezzi e Denis.
Sul fronte bianconero c’è voglia di riscatto dopo la sconfitta con l’Arsenal, mister Ranieri
vuole dar fiducia a Trezeguet, affiancato probabilmente da Del Piero. Turnover per Nedved e Sissoko

Probabili formazioni

Juventus-Napoli

Juventus (4-4-2): Buffon; Grygera, Mellberg, Chiellini, Molinaro; Marchionni, Poulsen, Marchisio, Giovinco; Trezeguet, Del Piero. A disposizione: Manninger, Legrottaglie, Sissoko, Tiago, Nedved, Iaquinta, Amauri. All.: Ranieri

Napoli (3-5-2): Navarro; Santacroce, Cannavaro, Contini; Maggio, Blasi, Pazienza, Hamsik, Datolo; Denis, Lavezzi. A disposizione: Bucci, Aronica, Rinaudo, Montervino, Bogliacino, Vitale, Russotto.

Fonte: calciomercato.com