DirettaPartite.com

Jump to content.

LE PAGELLE – Le pagelle di Chievo-Udinese, terminata 1-1 (Serie A)

CHIEVOVERONA
Sorrentino 6 Prende un gol su cui non ha colpe, per il resto é praticamente inoperoso per tutto il corso dei 90 minuti.
Mandelli 6 Una partita in cui non é molto impegnato. Ci mette comunque molta grinta.
Yepes 7.5 Di fronte all’invenzione di Floro Flores non ha responsabilità. Difensivamente la solita autorità, davanti le sue incursioni sono sempre devastanti come in occasione dell’inzuccata vincente.
Mantovani 6 Delle buone discese e anche l’occasione per segnare un gol di testa nei minuti iniziali.
Frey 6 Contiene Pepe a calcioni e se la cava come può.
Bentivoglio 7 Gioca mezz’ora di alto livello in cui mette in seria difficoltà gli avversari. Potrebbe segnare in un paio di occasioni ma Handanovic oggi non fa sconti.
Pinzi 5.5 Piuttosto in ombra quest’oggi. Le sue geometrie sarebbero servite, specie nell’assalto finale.
Iori 6.5 E’ sempre presente negli schemi del Chievo, in particolare sui calci piazzati. Prova più volte a impensierire Handanovic ma é un pò impreciso e un pò sfortunato; comunque coraggioso.
Marcolini 6.5 Gioca una partita di quantità e qualità: dai suoi piedi scaturisce il pallone che permette a Yepes di pareggiare.
Ariatti s.v. Non giudicabile.
Luciano 5 Sonnecchia per tutta l’ora in cui sta in campo.
Pellissier 6.5 Fornisce il match ball a Bentivoglio che purtroppo lo spreca. Il solito grande cuore a disposizione della squadra.
Bogdani 6 Entra e da quel peso che mancava la davanti.
Granoche 5.5 Sempre molto generoso ma impressiona ancora una volta la sua sterilità sotto porta. Sfortunato…Ma la fortuna aiuta gli audaci.

UDINESE
Handanovic 8 Compie due interventi miracolosi. Sul gol di Yepes non può arrivarci.
Zapata 7.5 Uno svarione nel primo tempo, per il resto é impeccabile e se il galeone friulano non affonda é in gran parte merito suo.
Lukovic 6 Partita generosa in cui annulla Luciano, nel finale controlla con attenzione la sua zona e spazza via lo spazzabile.
Coda 6 Partita attenta, viene molto aiutato dalla presenza di uno Zapata in giornata di grazia.
Cuadrado Bello 6.5 Un giovane molto interessante. Gioca bene e interviene con grande tempismo in più di un’occasione;Nel secondo tempo é l’unico nelle file bianconere a provare la conclusione.
Inler 6 Interdice come sa fare ma non eccelle in fase offensiva. Non ci prova mai.
Asamoah 6.5 Dà ordine al centrocampo e non affonda di fronte alla superiorità netta dei veneti nel secondo tempo.
D’agostino 7 Partita di grande qualità ed esperienza, esce bene palla al piede anche quando la sua squadra é in grande difficoltà.
Lodi 6.5 Entra e fornisce subito a Floro Flores la palla del vantaggio.
Sammarco s.v. Non giudicabile.
Pepe 7 Prende botte per tutta la partita e macina chilometri senza mai stancarsi. Generoso e fondamentale per questa squadra.
Floro Flores 7 Come il compagno di reparto Sanchez, é sfortunato a farsi male nel primo tempo. Fino a quando é in campo mette in grande difficoltà la difesa clivense con la sua vivacità. Conferma il suo momento positivo con un grandissimo gol che elude con grande naturalezza l’intervento di Yepes.
Sanchez s.v. Non giudicabile
Di Natale 5.5 Parte in panchina perché acciaccato; al 41′ è costretto ad entrare per sostituire Floro Flores e si vede che non é al meglio della forma.

PAGELLE – Le pagelle di Udinese-Atalanta, terminata 1-3

UDINESE
Handanovic 6 -Sui gol non ha grandi colpe. Abile a sventare altri pericoli.
Domizzi 5 -Si fa saltare con troppa facilità da Tiribocchi in occasione del primo gol. Con Coda non riesce a creare un muro difensivo in grado di frenare le giocate degli avversari.
Pasquale 5.5 -Entra nel momento più difficile per i suoi al posto del non brillante Lukovic. Fa quel che può per arginare gli attaccanti atalantini.
Lukovic 5 -Pochi affondi sulla fascia e magro cobntributo anche in fase difensiva.
Basta 6 – In ritardo sul raddoppio di marcatura su Tiribocchi in occasione del primo gol. Bravo a portarsi sul fono in diverse circostanze a fornire cross alle punte.
Coda 5 -Non in giornata. Troppi varchi lasciati agli attaccanti bergamaschi e troppo spesso fuori posizione.
D’Agostino 5.5 -Nel primo tempo perde troppi contrasti e non fa il solito filtro in mezzo al campo. Nella ripresa sfiora il gol con un gran tiro su punizione.
Lodi 6 -Cerca come può di non far sentire l’assenza di Di Natale ed è bravissimo a centrare il gol alla prima occasione utile. Per il resto non riesce ad entrare nel vivo delle azioni lasciando troppo soli Pepe e Sanchez.
Inler 5.5 -Appare sottotono rispetto ai suoi soliti standard. Cerca di inventarsi il gol dalla distanza ma non riesce mai a essere preciso.
Sanchez 6 -Ottimo primo tempo. La sua velocità crea non pochi problemi alla retroguardia atalantina. Col passare dei minuti però sparisce.
Di Natale 5.5 -Non è la sua giornata. Entra proprio quando l’Atalanta mette a segno i due gol decisivi per vincere la partita. Non riesce quasi mai a portarsi al tiro e a rendersi pericoloso sotto porta.
Corradi 5 -Uno dei peggiori tra i suoi. Praticamente inesistente, non si vede quasi mai e le poche palle che gli capitano le spreca in malomodo.
Pepe 6.5 -Il migliore tra i bianconeri. Corre tantissimo, crossa e si porta al tiro. Sfortunato nella ripresa, quando un suo tiro da fuori colpisce il palo.

ATALANTA
Consigli 6.5 -Subisce un gol su cui non ha grandi colpe ma salva la sua porta su almeno 3 nitide palle gol.
Pellegrino 6 -Ottimo in marcatura su Corradi che praticamente non vede palla.
Bellini 6 -Primo tempo non eccezionale. Cresce col passare dei minuti neutralizzando completamente Sanchez e Di Natale nella ripresa.
Peluso 6.5 -Buona la sua prova sia in marcatura che in fase di impostazione.
Padoin 6 -Inizia sulla fascia destra ma non convince. Quando passa sull’altra sponda si fa sempre pericoloso.
Garics 6 -Spinge tanto sulla fascia dando man forte prima a Valdes e poi a Padoin.
Guarente 6 -Vince molti contrasti con i centrocampisti friulani ed è bravo a fornire dei bei palloni alle punte.
Valdes Zapata 7.5 -Decisamente il migliore in campo e non solo per il gol. Serve cross a ripetizione, salta l’uomo e in velocità batte tutti.
Doni 6.5 -Serve l’assist vincente a De Ascentis. Ha diverse palle gol ma non è preciso al tiro. E’ comunque un pericolo costante per i difensori friulani.
De Ascentis 7 -Una diga in mezzo al campo. Non fa praticamente vedere palla agli avversari. Bellissimo il gol del 3-1 che mette al tappeto l’Udinese.
Caserta s.v. -Entra negli ultimi 10′.
Madonna s.v. -Entra nel finale.
Ceravolo s.v. -Entra nel finale al posto di Tiribocchi.
Tiribocchi 6.5 -Alla prima palla utile castiga gli avversari. Bravo anche a dar manforte in mezzo al campo.

PAGELLE – Le pagelle di Inter-Udinese, terminata 2-1 per i nerazzurri (Serie A)

INTER
Julio Cesar 6.5 Ipnotizza Di Natale sull’1-1 e decide la partita.
Chivu 5.5 Molto nervoso, sbaglia molto dietro. Scende parecchio, ma i suoi cross non sono precisi.
Samuel 7 Tiene in piedi da solo tutto il reparto, se non ci fosse lui sarebbero dolori.
Santon s.v. Entra a una manciata di minuti dalla fine.
Zanetti 5 E’ stanco e si vede. Rimane inchiodato dietro a cercare di frapporsi alle scorribande di Pepe.
Lucio 5.5 Continua a non convincere, svagato e sbadato dietro, spesso perde gli uomini e non chiude. Continua ad avventurarsi troppo spesso, e inspiegabilmente, in avanti.
Muntari 5.5 Parte bene, poi al primo errore il pubblico lo copre ingenerosamente di fischi. Da quel momento non è più in partita.
Sneijder 6.5 Si mette bene tra le linee, ha abbastanza spazio, ma potrebbe sfruttarlo meglio. Intelligente e freddo in occasione del gol vittoria.
Stankovic 7 E’ il trascinatore della squadra, prende qualche botta, ma stringe i denti. Segna un gol bellissimo e ci prova sempre con tiri pericolosi da lontano.
Cambiasso 6.5 E’ il difensore aggiunto dei nerazzurri. Va sempre a raddoppiare sul portatore di palla. Un lavoro incredibile che compensa la nullità in fase di costruzione.
Balotelli 5 Entra al 25′, ma fa poco movimento, non è mai pericoloso.
Suazo 5 In campo per 25 minuti, l’Inter attacca, ma lui non si vede.
Eto’o 5.5 Non è in un ottimo periodo, si vede poco, anche se quei due spunti che regala sono di alta classe.
Milito 6 Prima di infortunarsi era particolarmente frizzante, ha giocato molti palloni e ha fatto un gran movimento.

UDINESE
Handanovic 6 Non irreprensibile sui due gol, si oppone invece alle conclusioni di Stankovic dalla distanza.
Zapata 4.5 Entra al posto di Basta, venti minuti disastrosi, nel finale l’Inter affonda, e passa, solo dalla sua parte.
Domizzi 6.5 Ingaggia un bel duello con Eto’o, la mette sul piano fisico e ha la meglio.
Pasquale s.v. Entra al 90′.
Lukovic 6 Si sistema sulla sinistra, gioca con applicazione.
Basta 7 Davvero una gran bella prestazione. Sempre attento, ottimo negli anticipi e nei contrasti, non perde un pallone e li gioca tutti con intelligenza.
Coda 6 Attento a tenere sempre alta la linea difensiva.
D’Agostino 6 All’inizio è un po’ è annebbiato, poi cresce alla distanza.
Inler 6.5 Alza sempre la testa, alterna tocchi precisi a lanci lunghi altrettanto efficace. Accorcia bene anche in fase difensiva.
Sanchez 6.5 Partita sorprendente. Fa l’esterno di centrocampo e non solo attacca sempre bene creando scompiglio nella retroguardia nerazzurra, ma è anche bravo a coprire il campo e a difendere sugli uomini che passano dalle sue parti.
Di Natale 5 Puoi fare nove gol nelle prime sette giornate di campionato, ma se fallisci male e clamorosamente la palla del gol vittoria a San Siro, meriti un’insufficienza.
Corradi 5.5 Una ventina scarsa di minuti, giusto il tempo per rimediare una stupida ammonizione.
Floro Flores 6 Se la cava bene da punta centrale. Stacca di testa, sgomita, cerca l’uno-due con Di Natale.
Pepe 5.5 Fa l’ala vecchio stampo. Si piazza larghissimo a sinistra, ma si isola un po’ troppo dalla manovra.

PAGELLE – Le pagelle di Udinese-Genoa, finita 2-0 per i friulani

UDINESE
Handanovic 6 Inoperoso per tutta la gara, se la vede brutta solo in un paio di occasioni ma non deve intervenire.
Domizzi 5.5 Impreciso e maldestro, rischia il rigore con un fallo di mano che, per sua fortuna, viene giudicato fuori area.
Lukovic 6 Se la cava con un pò di sofferenza su una fascia dove il Genoa insiste molto e con tanti giocatori.
Basta 6.5 Buona prova: personalità e grinta, dalla sua parte il Genoa non trova spazi.
Coda 6 Crespo è un osso duro ma tutto sommato riesce a cavarsela, pur correndo qualche rischio.
Lodi s.v. senza voto
Sammarco s.v. senza voto
D’agostino 5.5 Meno preciso del solito nei suggerimenti, subisce il dinamismo dei pariruolo avversari.
Inler 6 Tanto vigore, a volte anche troppo. Ci prova con le conclusioni da fuori area senza troppa fortuna.
Sanchez 6 Invisibile fino all’82′, quando smarca Di Natale sull’azione del gol.
Floro Flores 5.5 Non gli arrivano molti palloni giocabili e finisce con l’innervosirsi.
Di Natale 7 Anonimo nel primo tempo, entra in partita nella ripresa e si vede la differenza: impegna Amelia un paio di volte prima di siglare l’ottavo gol in sei partite.
Corradi s.v. senza voto
Pepe 7 Corre per tutto il campo, cerca l’assist per i compagni nel primo tempo, prova a concludere lui nella ripresa e a furia d’insistere trova il 2-0.

GENOA
Amelia 6 Molto attento fino al gol di Di Natale, sul quale dà la sensazione di non fare il possibile.
Biava 6 Prova sufficiente, ma s’infortuna e deve uscire.
Modesto 5.5 Entra per fare il centrale difensivo nella difesa a 3 ma non è il suo ruolo, e si vede.
Moretti 5.5 I difficoltà sulle azioni veloci, il mestiere e l’esperienza non bastano.
Mesto 6 Tira il fiato rispetto alla gara con la Juve. Gioca più arretrato limitando le incursioni in avanti.
Criscito s.v. senza voto
Esposito A. 5.5 Rileva Biava ma fa molta fatica, soprattutto nel finale.
Bocchetti 6 Il migliore in difesa, anche se dall’uscita di Biava perde un pò di sicurezza.
Zapater 5.5 Fatica ad entrare in partita, un passo indietro rispetto alle ultime gare.
Milanetto 6 Riesce sempre a rendersi utile perchè lotta e si sacrifica anche per i compagni.
Crespo 5.5 Spreca sull’unica, vera, palla gol che gli capita. Poco servito dai compagni.
Sculli 6 Si sfianca tutta la partita per coprire ed attaccare, naturale che non sia sempre lucido negli ultimi 16 metri.
Palladino 5.5 Entra in un momento di sofferenza, non ha molte possibilità di mettersi in mostra.
Palacio 6 Nel primo tempo è il migliore dei suoi, ed è anche il più pericoloso, poi esce dal match nella ripresa e Gasperini giustamente lo sostituisce.

PAGELLE – Le pagelle di Udinese-Milan, terminata 1-0 per i friulani (Serie A)

UDINESE
Handanovic 6.5 Non è molto impegnato, ma si fa trovare sempre pronto quando il Milan riesce a calciare verso lo specchio. Bravo a non farsi uccellare da Ronaldinho nel finale.
Domizzi 6.5 Ha buon gioco nel neutralizzare uno spento Pato.
Lukovic 6.5 Presidia bene la sua zona di competenza con dedizione e concentrazione.
Basta 6.5 E’ quasi un debuttante, ma si disimpegna con intelligenza e sicurezza.
Coda 5.5 Qualche sbavatura di troppo tiene in apprensione tutta la difesa, allegro nei disimpegni.
D’Agostino 6 Un po’ in affanno nei primi venti minuti, poi lentamente si riprende ricorrendo a tutta la sua esperienza.
Lodi 7 Sempre pulito e ordinato, tocchi intelligenti e buona visione di gioco.
Sammarco s.v. Entra a dieci minuti dalla fine.
Inler 6.5 Guida il pressing e fa girare la palla con sapienza.
Isla 6.5 Si fa male poco prima della mezz’ora, ma fa in tempo a creare la giocata decisiva da cui scaturisce il gol di Di Natale.
Sanchez 6.5 I soliti venti minuti di intraprendente vivacità. Sfiora il gol con una gran botta da fuori.
Pepe 6 E’ un po’ svagato, potrebbe affondare di più, ma tutto sommato è utile alla squadra.
Floro Flores 6.5 Si sacrifica molto impegnandosi in fase di contenimento, ma non fa mancare il suo apporto neanche in avanti.
Di Natale 8 E’ in forma eccellente, oltre al settimo gol in cinque partite, tanti tocchi raffinati, sfiora la seconda rete e gioca sempre per la squadra. Da nazionale.

MILAN
Storari 7 Sempre attento ed efficace, salva il risultato e tiene in partita i suoi fino alla fine. Sul gol è incolpevole.
Zambrotta 5.5 Va su e giù sulla fascia, ma non imbrocca un cross. Tanta quantità, ma scarsa qualità.
Nesta 6 L’unico della difesa che si salva, tiene in piedi una baracca che fa acqua da tutte le parti.
Oddo 4 Non imbrocca un cross, si fa saltare in continuazione dagli esterni dell’Udinese, sempre in affanno, sbaglia gli appoggi più semplici.
Kaladze 5 Si fa saltare ingenuamente da Isla nell’occasione che porta al gol di Di Natale. In aggiunta, altre sconcertanti amnesie.
Abate 6 Accelera e crea pericoli. Non si capisce perché non goda della piena fiducia dell’allenatore.
Flamini 5 Macina chilometri a centrocampo, ma si ha la sensazione che il suo sia un correre a vuoto e senza raziocinio.
Pirlo 6.5 Prova a trascinare la squadra, ma predica nel deserto, si sposta a sinistra, da dove fa nascere le azioni più pericolose del Milan.
Seedorf 5.5 Trotterella sulla trequarti, qualche passaggio di troppo sbagliato ma, a differenza di altre volte, dimostra di volersi impegnare. Non è nella sua miglior serata.
Gattuso 5 Non riesce più a riconquistare palloni come una volta e se non fa questo, gli rimane ben poco.
Pato 4 Un fantasma, molle, inconsistente. Non è Pato, ma la sua più brutta controfigura.
Inzaghi 5 La squadra non lo aiuta, ma lui si muove poco e perde troppi palloni.
Huntelaar 5.5 Più mobile di Inzaghi, qualche pallone sporco passa dalle sue parti, ma non riesce a trasformarlo in occasione da gol.
Ronaldinho 6.5 Mezz’ora di qualità e classe. Il suo ingresso rivitalizza i suoi. Per poco non gli riesce il colpaccio.

Le pagelle di Napoli-Udinese terminata 0-0

NAPOLI
De Sanctis 7 Due ottimi interventi, il primo su Pepe, il secondo su Di Natale.
Grava s.v. Entra nel finale.
Contini 5.5 Commette troppi errori, fa tremare la difesa.
Cannavaro 6 Fa la guardia mentre i suoi tentano il forcing.
Santacroce 6 Un po’ scomposto, ma sempre efficace negli interventi difensivi.
Rinaudo 6 Fa buona guardia dietro, controlla bene gli avanti bianconeri.
Zuniga 5.5 Parte bene facendosi vedere spesso sulla destra, poi si spegne.
Cigarini 6.5 Parte timido, poi esce alla distanza provando a illuminare le azioni offensive dei suoi.
Gargano 5 Corre, ma è troppo impreciso e poco lucido.
Hamsik 5 Tende a nascondersi e sbaglia molti appoggi. Nel finale fallisce una clamorosa palla gol.
Lavezzi 6.5 Si muove molto, sempre nel vivo del gioco, ma predica nel deserto.
Hoffer s.v. Si muove bene, ma gioca solo una ventina di minuti.
Quagliarella 5 Troppo statico, non trova mai lo spiraglio giusto.
Datolo 6 Bene per un’ora, quando fa da puntello ordinato sulla sinistra. In sofferenza nel finale su Sanchez.

UDINESE
Handanovic 6.5 Respinge tutto ciò che il Napoli conclude nello specchio.
Zapata 6 Se ne sta tranquillo sulla destra limitandosi a controllare e a scendere poco.
Domizzi 6 Lavezzi lo fa soffrire, ma lui tutto sommato tiene botta.
Lukovic 6.5 Veloce nei recuperi e duttile tatticamente.
Coda 6.5 Bravo ad annullare Quagliarella.
Lodi 5.5 Si vede poco.
D’agostino 5 Lento e macchinoso, oggi l’Udinese ha fatto a meno della sua regia.
Inler 6.5 Bene in fase di interdizione e prova anche a costruire qualcosa.
Isla 6 Prezioso motorino di centrocampo, non sempre lucido in fase di appoggio.
Sanchez 6 Venti minuti di vivace pericolosità.
Floro Flores 6 Svaria su tutto il fronte, fa salire la squadra, si sacrifica.
Di Natale 7 Al di là del gol regolare che aveva fatto, una bella partita, si muove molto e cerca sempre la giocata vincente.
Corradi s.v. In campo per gli ultimi venti minuti.
Pepe 5.5 Un bel diagonale che impegna De Sanctis, poi poco altro.

PAGELLE – Udinese – Catania 4-2 (Serie A)

UDINESE
Handanovic 6.5 – Non può nulla sulla deviazione di Domizzi e indovina la traiettoia del rigore di Mascara.
Zapata 6.5 – Buona la sua progressione dalla destra che porta alla rete di Floro Flores.
Domizzi 6 – Sfortunato nella deviazione sul tiro di Morimoto ma nel complesso una prestazione sufficiente.
Felipe 5 – Ingenuo sul fallo commesso in area di rigore su Mascara, esce dal campo all’intervallo.
Lukovic 6.5 – Il suo ingresso nella ripresa dà sicurezza al reparto arretrato.
Coda 6.5 – Sbaglia qualche intervanto nel primo tempo ma poi si rifà nella ripresa.
D’agostino 6 – Impreciso sulle palle da fermo ma comunque sempre determinante.
Lodi s.v. – Entra a pochi minuti dal termine.
Sammarco 5 – Delude molto per le aspettative e infatti viene cambiato all’intervallo.
Isla 5.5 – Soffre spesso il centrocampo avversario.
Sanchez 6.5 – Spesso mette in difficoltà gli avversari che sono costretti a commettere fallo su di lui.
Pepe 7 – Colpisce un traversa e impegna un paio di volte Andujar.
Floro Flores 7.5 – Segna un gran gol ed è determinante in alcune azione offensive.
Di Natale 9 – Tripletta per lui e una prestazione straordinaria con continue azioni personali che mettono in crisi i difensori ospiti.

CATANIA
Andujar 6 – E’ esente da responsabilità su tutti e quattro i gol subiti.
Potenza 5 – Commette un fallo ingenuo su Di Natale in area che spiana la strada all’Udinese.
Bellusci 5.5 – Comincia bene ma poi si perde nella ripresa come tutti i difensori.
Silvestre 5 – Pecca molto di imprecisione e superficialità in alcune circostanze.
Spolli 5.5 – Prestazione non pessima ma nemmeno entusiasmante.
Pesce 5.5 – Le sue ripartenze sono esigue e deludenti.
Carboni 5.5 – E’ l’ultimo che non molla ma comunque non basta il suo carattere.
Ricchiuti 5.5 – Conclude un paio di volte da lontano ma senza mai convinzione.
Delvecchio 5 – Molto lezioso in molte occasione e anche nervoso.
Plasmati s.v. – Entra a risultato già acquisito.
Mascara 6 – Fa il suo conquistando un rigore e trasformandolo.
Martinez s.v. – Entra quando la partita è già finita.
Morimoto 5.5 – Più fortunato che bravo nella rete dell’1-0 dopo di che sparisce dal gioco.

SINTESI – Udinese – Parma 2-2 (Serie A)

GUARDA IL VIDEO DELLA SINTESI DELLA PARTITA TRA UDINESE E PARMA (2-2)

CALCIOMERCATO/ Napoli, Quagliarella-Cigarini: è fatta! Scoppia il caso Lavezzi

Quagliarella-Cigarini: ecco i primi due colpi del Napoli di Roberto Donadoni. Aurelio De Laurentiis ha deciso di mettere mano al portafoglio e per i due giocatori ha speso una cifra vicina ai 30 milioni. Per l’attaccante friulano ma nativo di Castellammare di Stabia il presidente partenopeo ha sborsato 19 milioni di euro (16 più la metà del cartellino di Maurizio Domizzi). Battuta la concorrenza della Juventus, che aveva messo gli occhi sull’attaccante dell’Udinese. Quagliarella percepirà 2 milioni di euro a stagione per 5 anni.

Chiuso ieri anche l’affare Cigarini con l’Atalanta. Costo dell’operazione 11 milioni di euro, che verranno divisi tra gli orobici e i ducali. Il Napoli cederà anche la meta’ del cartellino di Garics ai lombardi e l’austriaco diventa a tutti gli effetti un giocatore nerazzurro.

Nel clima di festa per i grandi colpi di mercato scoppia però la grana Lavezzi. Il suo procuratore Mazzoni ieri ha agitato l’ambiente azzurro. «Ho provato a parlare con Marino ma da domenica non è stato possibile. Nè Lavezzi è riuscito a dialogare con il presidente. E’ vero c’è un’intesa però dovevamo rinnovare sette mesi fa. La volontà dei giocatori non si compra, non siamo degli schiavi. Si rischia la rottura, se resta è solo per i tifosi. Al momento dico che restera’ solo al 50 percento per l’amore che sente per il popolo napoletano».

SINTESI – Lazio – Udinese 1-3 (Serie A)

GUARDA IL VIDEO DELLA SINTESI DELLA PARTITA TRA LAZIO E UDINESE

Pagina successiva »