DirettaPartite.com

Jump to content.

CONFERENZA STAMPA – José Mourinho: fuori Adriano, dentro Mancini (Prima di Inter – Reggina Serie A, 29 Giornata)

GUARDA IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI JOSE’ MOURINHO PRIMA DI INTER REGGINA (TRE PARTI)

“Indifferente” alle dichiarazioni di Roberto Mancini. José Mourinho non si fa distrarre e pensa soltanto al prossimo impegno di campionato contro la Reggina. Ieri l’ex tecnico dell’Inter aveva spegato che il club nerazzurro attualmente non ha bisogno di un allenatore, aggiungendo però di avere ancora tre anni di contratto. Parole che non disturbano l’allenatore portoghese:”Lui ha tre anni di contratto, io ne ho due”. Una risposta secca e nessuna polemica.
NIENTE ADRIANO – E’ un Mourinho sereno quello che si presenta alla Pinetina alla vigilia del match con l’ultima in classifica. “Quando incontrerò Moratti? Magari l’ho già incontrato. E comunque non c’è nememno bisogno che io confermi la mia volontà di restare qui. Una lista rinforzi? Non c’è nessuna lista, c’è una filosofia”, spiega ancora Mourinho che poi fa sapere che Adriano domani non ci sarà per un problema alla caviglia, che in difesa Rivas giocherà con Cambiasso e che Stankovic dovrebbe giocare. Capitolo scudetto, la Juve ci crede ancora, Mourinho è sicuro di sé  e della sua squadra. “Dobbiamo fare 23 punti e pensare solo a noi stessi, la Juve deve pensare anche a noi”.
LA MULTA – Mourinho parla anche dell’ammenda che gli è stata inflitta ieri dalla Disciplinare per le dichiarazioni dopo Inter-Roma. “Se i soldi delle multe fossero andati in beneficenza, avrebbero potuto anche infliggermi un’ammenda doppia, anche di 70mila euro, ma i soldi non vanno lì e questo non mi piace tanto. Questi soldi si potrebbero dare per aiutare i bambini”.
MAXWELL E I PRIMAVERA – Mourinho risponde indirettamente anche al procuratore di Maxwell. “Dico solo una cosa molto semplice, l’unico problema di Maxwell in questo momento è Santon che ha giocato benissimo tutte le partite e che merita di giocare. Questo ‘bambino’ può fare 15 anni di Inter al più alto livello. Partita dopo partita ha un rendimento in campo incredibile, gioca con il Milan, la Roma, contro Ronaldo… Sembra che abbia 30 anni, con dieci anni di esperienza al top”. E Balotelli? E Bolzoni? “Balotelli lo ha fatto esordire Mancini, io sono responsabile del suo secondo periodo. È stato fuori per tanto tempo, ora gioca di più. Bolzoni lavora bene, non ha avuto grandi possibilità di giocare. È stato convocato tante volte. Ma la possibilità arriverà. Ci sono altri in Primavera che hanno le qualità nella prossima stagione per fare lo stesso percorso di Santon, integrarsi nella prima squadra. Lavorando tutta la settimana con la prima squadra, sicuramente la maturazione è più veloce. Ci sono due o tre che hanno queste qualità”.

0 comments

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.


Read more

«
»